Spett. Ordine dei Giornalisti - Loro sedi Regionali

Egregi,
sono un professionista che si occupa di comunicazione visiva ed immagine. Desidero accentrare la Vostra attenzione sull'iniziativa della Poligrafici Editoriale Spa, che indica (come integrazione del contratto in essere con i collaboratori delle testate quotidiane del gruppo) con circolare a data 31 gennaio 2005, un compenso di 2,5 euro lordi per la cessione completa dei diritti d'autore delle immagini fotografiche richieste e pubblicate.

Anche se la richiesta - formulata in forma di proposta di modifica di accordi preesistenti e conseguentemente subordinata all'accettazione da parte dell'interlocutore - e' formalmente legale, desidererei unirmi alla richiesta di appoggiare la segnalazione dell'Associazione Nazionale Fotografi Professionisti TAU Visual, chiedendo un intervento della vostra Sede, se per caso non vi foste gia' occupati della vicenda.
Vi segnalo infatti che :

a) L'entita' del compenso offerto (2,5 euro lordi) per la totalita' dei diritti d'autore di immagini fotografiche destinate ad impiego editoriale non e' congrua con i valori di mercato, non rispecchia il concetto di "equo compenso" previsto dalla legge 633/41, ed e' insostenibile da un qualsiasi professionista fotografo. E' inoltre enormemente inferiore ai minimi previsti dal tariffario di riferimento dell'Associazione Nazionale Fotografi Professionisti TAU Visual .
b) La proposta, formulata di fatto ai collaboratori di penna e conseguentemente ai giornalisti, inoltre estremamente distante dai minimi inderogabili previsti dal tariffario dell'Ordine dei Giornalisti, ed - a mio avviso - nella sostanza dequalificante e non rispettosa della dignita' professionale del professionista.
c) La proposta, per come formulata, tende a dequalificare drasticamente la funzione della comunicazione per tramite delle immagini, a generare una "fuga" dei validi collaboratori e potrebbe portare ad un progressivo depauperamento della qualita' di informazione per immagini delle testate del gruppo.

Mi auguro che possiate far sentire la Vostra opinione sul fatto in se.

Con viva cordialita'